🧑 💻 Scriviamo articoli su gadget, computer, auto, giochi e hobby. Recensioni utili sui più interessanti

Il Perseverance Rover della NASA dimostra che raccogliere rocce su Marte è difficile

2

NASA/JPL-Caltech

Dopo quasi 9 anni e pochi miliardi di dollari, la NASA è finalmente pronta a raccogliere campioni di roccia da Marte. Venerdì, il Perseverance Rover della NASA ha cercato di raccogliere i suoi primi campioni di roccia su Marte, ma è arrivato a mani vuote.

Il rover Perseverance continua a fare record. È il primo dispositivo a catturare l’audio della superficie marziana, il primo veicolo a trasportare un drone su un altro pianeta, il primo a produrre ossigeno al di fuori della Terra e ora, il primo a poter dire "gli alieni hanno mangiato i miei compiti". Scherzi a parte, il rover in realtà non ha perso la roccia di Marte e, invece, si è verificato un problema durante il processo di raccolta.

Il Perseverance Rover della NASA dimostra che raccogliere rocce su Marte è difficile

NASA/JPL-Caltech

Il Perseverance Rover della NASA ha rimosso polvere e detriti dalla superficie del terreno, ha esteso il suo braccio di 7 piedi, quindi ha praticato un piccolo foro nelle formazioni rocciose nel tentativo di raccogliere un nucleo roccioso da studiare in seguito. È un’area che un tempo avrebbe potuto contenere vita aliena o microbica, quindi questi campioni sono importanti.

Dopo aver praticato un foro, il Rover ha raccolto un campione e si è ritirato dal foro, ma il nucleo di roccia era scomparso e il tubo di raccolta era vuoto.

"Il pensiero iniziale è che il tubo vuoto sia più probabilmente il risultato del rock target che non reagisce nel modo previsto durante il carotaggio e meno probabilmente un problema hardware con il sistema di campionamento e memorizzazione nella cache", Jennifer Trosper, project manager di Perseverance, detto in una dichiarazione. "Nei prossimi giorni, il team trascorrerà più tempo nell’analisi dei dati in nostro possesso e acquisirà anche alcuni dati diagnostici aggiuntivi per supportare la comprensione della causa principale del tubo vuoto".

Fondamentalmente, il team della missione ritiene che la colpa possa essere stata delle proprietà uniche della roccia. Ad esempio, il campione potrebbe essersi rotto o non essere come previsto sotto la superficie.

In ogni caso, il team ha promesso di perseverare e continuare i suoi sforzi per trovare una soluzione, raccogliere campioni e averli pronti per il recupero della NASA in un’altra missione tra circa un decennio.

via BBC

Fonte di registrazione: www.reviewgeek.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More