🧑 💻 Scriviamo articoli su gadget, computer, auto, giochi e hobby. Recensioni utili sui più interessanti

Gli scienziati affermano che gli alieni potrebbero spiarci mentre noi li guardiamo

0

AVS-Media/Shutterstock.com

Gli scienziati hanno trascorso gli ultimi anni esplorando l’universo che ci circonda e cercando segni di vita (intelligente o meno). Ora, in un brillante momento di introspezione, gli scienziati si sono resi conto che molti degli esopianeti che abbiamo scoperto potrebbero aver scoperto anche noi.

Un nuovo articolo, scritto dagli astronomi della Cornell University e dell’American Museum of Natural History e pubblicato su Nature il 23 giugno, è incentrato proprio su questo pensiero. I suoi autori hanno scoperto circa 2.000 sistemi stellari che avrebbero avuto un punto di osservazione perfetto per rilevare il nostro pianeta utilizzando lo stesso metodo che utilizziamo per rilevare gli esopianeti, osservando un calo di luce mentre un pianeta transita "davanti" alla sua stella ospite. il numero potrebbe sembrare alto, ma sarebbe il numero di quanti potrebbero aver potenzialmente avvistato la Terra dai giorni della prima civiltà umana, circa 5.000 anni fa.

"Ho iniziato a chiedermi cosa potrebbero vederci le stelle se cambiamo il punto di osservazione… Il cosmo è dinamico, quindi il punto di osservazione non è per sempre: si guadagna e si perde", ha detto Lisa Kaltenegger, professore associato di astronomia alla Cornell e al giornale coautore di The Verge. “E mi chiedevo quanto durerà quel posto in prima fila per trovare la Terra attraverso il calo di luminosità della stella. Nessuno lo sapeva".

Esattamente 1.715 stelle a circa 326 anni luce di distanza sono state letteralmente nel posto giusto al momento giusto: in grado di individuare la Terra, e forse anche la vita su di essa. Il rapporto si basava sui dati sulle stelle rilevate dalla navicella spaziale Gaia dell’Agenzia spaziale europea e ha rivelato che ben 1.402 di loro possono attualmente vedere la Terra da un’area soprannominata Zona di transito terrestre.

Gli scienziati affermano che gli alieni potrebbero spiarci mentre noi li guardiamo

Zakarchuk/Shutterstock.com

I ricercatori di un documento separato hanno anche notato la probabilità di questa prospettiva reciproca, affermando: "Se qualcuno di questi pianeti ospitasse osservatori intelligenti, avrebbero potuto identificare la Terra come un mondo abitabile, o addirittura vivente, molto tempo fa, e potremmo essere ricevendo le loro trasmissioni, oggi. Lo studio è stato pubblicato su Astrobiology nel 2015.

Kaltenegger e la sua coautrice, Jackie Faherty, stanno allargando quel lasso di tempo, guardando sia indietro che avanti. Hanno notato che 313 sistemi stellari erano nel posto giusto per osservare il transito della Terra davanti al Sole negli ultimi 5.000 anni. Hanno anche sottolineato che qualsiasi esopianeta all’interno del sistema Trappist-1, che ha il più grande gruppo di pianeti delle dimensioni della Terra all’interno della zona abitabile, molto probabilmente sarà in grado di vedere la Terra tra 1.642 anni.

Naturalmente, non sappiamo ancora se ci sono esseri intelligenti che vivono su qualcuno di quei pianeti (o se hanno la nostra stessa tecnologia, o se ci hanno scoperto, o se si preoccupano per noi). Tutto ciò che sappiamo ora è che quei pianeti esistono e molti di loro hanno il potenziale per la vita di qualche tipo.

Indipendentemente da ciò, gli scienziati stanno ancora lavorando per rilevare altri pianeti ed esplorare l’universo in generale tramite il telescopio spaziale Hubble e (si spera) il telescopio James Webb che dovrebbe (finalmente) essere lanciato entro la fine dell’anno. Più risorse abbiamo da esplorare e rilevare, più dati possiamo attingere per studiare e imparare riguardo alla vita e letteralmente a tutto il resto dell’universo.

tramite The Verge

Fonte di registrazione: www.reviewgeek.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More